19
July , 2019
Friday

fiofamagazine

diamo voce alla musica

Voci x la Libertà gran finale

Posted by adminfiofa On agosto - 2 - 2011

VxL, quando la musica sposa gli ideali e sollecita la coscienza … Si Respira!!!

Premio Amnesty Italia Emergenti a AREMAG (nella foto)

Premio Amnesty Italia a SIMONE CRISTICCHI

Di Tiziana Etna

Si fa un gran parlare della musica che denuncia, racconta, rappresenta, qui non si tratta di stare da una parte o da un’altra, ma piuttosto, di essere fieri che la musica abbia il potere di riportare alla memoria ciò che non deve essere dimenticato. Concediamo allora licenza poetica a chi scrive canzoni e sosteniamo chi ha compreso, e’ mediatico e sa avvalersi di un linguaggio universale, soprattutto se reclama il rispetto dei diritti umani.

Quest’anno l’organizzazione di Voci per la Libertà Una Canzone per Amnesty, giunta alla 14° edizione, ha promosso la sostenibilità ambientale, un primo passo verso la certificazione, determinata a prendere, di eco festival. Ogni materiale cartaceo e’ stato realizzato con carta FSC, come buona parte della posateria usata all’interno del festival era di materiale biologico.

Il Premio Amnesty Italia, riconoscimento a personaggi già affermati è contenuto e divenuto parte integrante nel festival “Voci per la Libertà”Una Canzone Per Amnesty dal 2003; il festival che promuove le campagne di Amnesty e’ pero’nato nel 1998 per dar voce ai giovani artisti emergenti, al messaggio che portano attraverso la musica; ed e’ a loro che si rivolge, facendoli protagonisti e testimonial di profondi movimenti della coscienza.

Erano nove i semifinalisti di elevata qualità  artistica, sia musicale che di contenuto nel testo, a contendersi il Premio Amnesty Emergenti, tutti rigorosamente con brani propri.

Da Grosseto il polistrumentista Emanuale Bocci con “Senza Vedere” accompagnato da Francesco Diotato al sax, Dario Pagani alla batteria e Cristiano Bocci al contrabbasso. Da Udine Rebi Rivale con il brano “Se Sarà Femmina”, Ornella Tusini alla chitarra e Davide Sciacchitano al basso, da Milano Musetta che ha concorso con “Non Ho Mai Riso Tanto”, accompagnata da Marinella Mastrosimone e Matteo Curcio.Arrivava da Roma il gruppo rock Autoreverse con “Non Sogno”, Stessa provenienza per gli Areamag ovvero Gabriele Ortensi insieme a Sergio Scherillo al contrabasso, Gianluca Aless alla chitarra e Claudio Sbrolli  alla batteria, vincitore di questa edizione con la canzone “Tana libera Tutte”, racconta di una bambina straniera ingannata da una promessa di fama e condannata alla triste realtà della prostituzione infantile. Vicina di casa la viterbese rock metal band Repsel: Marta Icopon voce e violino, Giorgio Napoleone e Lorenzo Cantarini chitarre, Paolo Dossi batteria e Alessandro Presti basso, con il brano “War Machines”. Anche il sud e’ stato ben rappresentato dai pugliesi carismatici Puntinespansione, Fabio D’Agrosa basso, Pepe Laterza mandolino, Francesco Bianco batteria, Francesco Mastrangelo voce e chitarra, Gianni Pinto chitarra; con” Se Il Petrolio Fosse Olio”, e’ andato il premio della Critica.  Siciliani i Fuori Forma, Fabrizio Andrea Arena al basso, Davide Casciolo alla batteria, Giuseppe Basile chitarra ed Emanuele Piazza la voce, hanno presentato “= A Te”. Giocavano in casa invece i premiati dalla giuria popolare Heza, rock band di Rovigo, Roberto Zampieri alla batteria, Enrico Rigolin e Samuele Bergamaschi alle chitarre, Enrico Vazan voce e Matteo Balzan autore del brano in gara “Disegni di Mina”, al basso.      Una giuria tecnica composta di molti elementi, addetti ai lavori, musicisti, giornalisti e direttori artistici, tra i quali anche Giordano Sangiorgi papà del Mei e con Audiocoop compagni di avventura con Gli amici della Musica, ed il nostro editore il maestro Pino Scarpettini.

Premio Amnesty Italia 2011 invece per i personaggi affermati è stato assegnato, se non con qualche polemica , a Simone Cristicchi per il brano Genova Brucia, ispirato dal G8 di Genova e sentitamente dedicato ai signori Giuliani. Posizioni contrapposte hanno sollecitato polemica e le distanze da parte dell’amministrazione comunale di Villadose, sede storica del festival Voci per la Libertà.

Hanno partecipato gli Africa Unite, gli Yo Yo Mundi, i Mojomatics, i Terzobinario ed i vincitori dell’anno scorso: la Piccola Orchestra Karascio’.

Hanno presentato l’evento che si e’ concluso lunedi’ 25 luglio con una grande festa per il 50° compleanno di Amnesty, Savino Zaba di Radio 2 e GianLuca Polverari di Radio Città Aperta. A festeggiare sul palco il mezzo secolo: Gianmaria Testa, Riserva Moac, Roberto Citran, Grazia Negro feat. Roy Paci.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Recent Comments

AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE DI AREZZO N.6/2011 DEL 13 /5/2011

Recent Comments

La finale della VI edizione di MUSICA CONTROCORRENTE

On ott-5-2010
Reported by adminfiofa

BUON COMPLEANNO PRESIDENTE!!

On mag-30-2011
Reported by adminfiofa

“morire di successo”….continua

On feb-13-2012
Reported by adminfiofa

lettera di un artista al Nuovo Imaie

On feb-7-2011
Reported by adminfiofa

Golden disc teatro Goldoni

On lug-29-2011
Reported by adminfiofa

Recent Posts