21
November , 2017
Tuesday

fiofamagazine

diamo voce alla musica

SIAMO MUSICA

Posted by adminfiofa On giugno - 20 - 2011

La musica dell’essere umano.

Non vi e’ meta senza un sentiero da intraprendere.

Siamo certi del potere educativo della musica e della sua funzionalità terapeutica, ma desiderando andare un po’ nello specifico, occorre addentrarsi con spirito olistico in una visione filosofica e al contempo metafisica dell’esistenza stessa. Partiamo dal presupposto che in quanto “esseri umani” siamo dotati della capacità di agire, pensare,  sentire (nel senso emozionale) e di essere. Possiamo definirci esseri multidimensionali che coesistono contemporaneamente in piu’ dimensioni, delle quali, per rigor di logica, ne evidenziamo quattro: dimensione fisica, intellettiva, emotiva e spirituale(non in senso religioso); il discorso puo’ apparire ostico ed una semplificazione si rende necessaria.                                                                                                                                 La nostra capacità pensante e’ in relazione con l’energia vitale, infatti se abbiamo un dolore qualsiasi l’energia vitale e’ impegnata nella gestione del dolore e la nostra attenzione o facoltà di analisi viene meno, quindi ne consegue che un corpo fisico (materia)vivo (energia vitale) agisce, pensa e prova emozioni. Le emozioni hanno sede in una terza dimensione, in relazione con le prime due, che in termini olistici viene definita dimensione Astrale, la quale a sua volta e’ in relazione con un quarta dimensione, quella che gli orientali definiscono essenza divina, l’anima in essere per noi occidentali.

Questi corpi diversi dalla realtà fisica, ma ugualmente reali poiché percepibili, costituiscono l’anatomia occulta dell’essere umano; ed e’ proprio a questi livelli che il potere della musica agisce.

Seguendo la stessa traiettoria del sistema circolatorio e del sistema nervoso, scorrono dei canali d’energia  chiamati Meridiani, dove questi canali si incontrano formano dei centri energetici, chiamati chakra, sono gli organi                  dell’ emozioni, ed e’ qui che si compone la nostra sinfonia esistenziale, ma sono anche la  linfa vitale dei nostri organi fisici e ad essi sono collegati, ne consegue l’ipotesi del disagio e/o la malattia  causata da emozioni negative e pensieri limitanti, tant’e’ che molti metodi di guarigione olistica e alternativa sostengono che per riportare una condizione di salute e di equilibrio occorre proprio agire sui chakra, musica terapia compresa.

I chakra sono  molti ma i piu’ importanti sono, non a caso, sette, proprio come le note musicali, ci scorrono lungo la colonna vertebrale e corrispondono alle ghiandole endocrine.La loro emanazione costituisce l’aurea.

Tanto per dare un imbastitura utile alla comprensione del testo competente che segue, tratto da www.amadeux.net, una tabella semplificata delle proprietà di ogni singolo centro energetico.

Primo chakra radice/Collocazione: zona inferiore del bacino e genitali. Emozioni: Passione, rabbia, terrore, gioia, energia di sopravvivenza, energia materiale Sede di: volontà di vivere                                                                                                                                                             Frequenze di risonanza: 396, 99, 297, 261 Hz. DO Comunica: dolore sofferenza, consapevolezza fisici Salute fisica: disfunzioni sessuali, malattie sistema nervoso, problemi intestino retto, difficoltà riproduttive e circolatorie.

Secondo Chakra sacrale/Collocazione: addome, vescica, ghiandole surrenali. Emozioni: Sentimenti e creatività Sede di: facoltà creative      Frequenze di risonanza: 417, 104.25, 330, 293 Hz. RE Comunica: pianto, grido, riso Salute Fisica: colite, appendicite, fertilità, renali, ginecologici.

Terzo Chakra plesso solare/ Collocazione: plesso solare, pancreas, ombellico Emozioni: potere personale, giudizi di sé e del prossimo                     Sede di: autostima, potere.                                                                                                                                                                                                          Frequenze di risonanza: 528, 132, 363, 329 Hz. MI Comunica: idee, pensieri, sapere Salute Fisica: disturbi di natura digestiva e metabolica, confusione o pazzia, ghiandole surrenali, milza, fegato.

Quarto Chakra del cuore/ Collocazione: cuore Emozioni: energia curativa, sogni personali Sede di: compassione                          Frequenze di risonanza: 639, 159.75, 396, 349 Hz. FA Comunica: bisogni fisici ed emotivi Salute Fisica: malattie e disturbi cardiocircolatori, pressione arteriosa, problemi polmonari (asma, allergie,ecc), disturbi del sonno.

Quinto Chackra della comunicazione/ Collocazione: gola, tiroide, laringe Emozioni: comunicazione Sede di: espressione.                                                                                            Frequenze di risonanza: 741, 185.25, 429, 392 Hz. SOL Comunica: linguaggio, suono, canto. Salute Fisica: malattie e disturbi della gola, mascella, tiroide, laringe, tonsille, timo.

Sesto Chakra del terzo occhio/ Collocazione: fronte, ipofisi Emozioni: immaginazione Sede di: facoltà visiva.                                             Frequenze di risonanza: 852, 213, 462, 440 Hz. LA Comunica: sfrutta la capacità dell’individuo di vedere e attrarre a sé Salute Fisica: malattie e disturbi ghiandolari o endocrini, squilibri ormonali, problemi di crescita e sviluppo.

Settimo Chakra della corona/Collocazione: la corona o fontanella, ghiandola pineale Emozioni: consapevolezza Sede di: appartenenza dell’individuo al tutto.                                                                                                                                                                                                         Frequenze di risonanza: 963, 240, 495, 493 Hz. SI Comunica: vibrazioni divine Salute Fisica: malattie e disturbi sistema immunitario, neoplasie, problemi ossei, disturbi collegati all’epifisi, schizofrenia, depressioni, cefalee, dissociazione psichica, squilibri di qualsiasi genere.

“Resi forti dalla potenza del suono, camminiamo gioiosi attraverso l’oscura notte della morte.”

(W.A. Mozart, Il flauto magico)

“Quando sono in equilibrio i sette chakra  ruotano ciascuno ad una costante e predeterminata frequenza . Il Chakra della radice corrisponde al Do centrale del pianoforte, ha una frequenza risonante normale di 256 cicli a secondo, o 256 Hz, Il Chakra Sacrale, risuona a 288 Hz, che è la nota Re. E ogni chakra via via più alto, nel corpo fisico, ha una nota via via più alta della scala, fino al Si. Questi sette toni o note sono chiamati “Ottava 0″. Ogni volta che si sale di un’ottava (per esempio dal Do centrale, 256 Hz, al Do più alto della scala, 512 Hz) si può notare come il valore della frequenza raddoppi. Questa caratteristica molto importante è anche uno dei princìpi di risonanza.

Si noti anche che, come il pianoforte ha diverse ottave sopra l’ottava 0, così ne ha anche quel veicolo energetico che chiamiamo “Campo Energetico”.

Gli Uomini hanno complessivamente cinque ottave associate alla loro Aura, ma solo l’ottava più bassa, la 0, è associata al loro corpo fisico. Ad ottave più alte corrispondono connessioni energetiche tra persone e dimensioni più elevate, partendo dall’ambiente locale della persona (ottava 1), alla Madre Terra in senso Globale (Ottava 2), al nostro sistema solare e in particolare al Sole, l’immediata fonte di tutte le energie “fisiche” che supportano la vita in questo mondo (ottava 3), alla nostra galassia, la via lattea (ottava 4), e all’energia dell’Universo (Ottava 5). Comunque, quando si lavora con la terapia del suono, ci si può concentrare sull’ottava 0, l’ottava associata al corpo fisico e ai suoi maggiori centri di energia.

Se un Chakra è un pò “scordato” e non vibra in armonia, esso può essere ri-accordato attraverso un processo di vibrazione simpatetica.                                                                                                 Questo concetto e’ alla base della musica terapia.

Le vibrazioni armoniose alla frequenza corretta entrano direttamente nel campo di rotazione del Chakra producendo l’effetto di portare quella sequenza vibrazionale alla sua propria frequenza così che possa funzionare efficientemente come un transduttore di energie provenienti dal campo di energia universale richiesto dagli organi e ghiandole associati al chakra.

I sette princìpi che caratterizzano il suono e che in ultima analisi determinano gli effetti che il suono ha sul corpo umano e sui suoi sistemi di energia sono: Risonanza, Ritmo, Melodia, Armonia, Tonalità, Timbro e Intonazione.

Risonanza. Quando un Chakra risuona ad una particolare vibrazione o frequenza, prende e assorbe energia da quella frequenza. C’è un trasferimento di energia che ha luogo dalla sorgente dell’energia sonora in vibrazione (strumento, voce, coristi…) al chakra stesso.

Caratteristica del fenomeno della Risonanza Simpatica è che le corde accordate alla stessa nota o ad una o più ottave sopra la nota vibrante, iniziano a vibrare uguale. Per esempio, se un violino ha una corda intonata al Do centrale (256 Hz) e un secondo violino vicino ha una corda accordata ad un’ottava sopra il Do centrale (Do Alto – 512 Hz), quando la corda del Do centrale è pizzicata sul primo violino, il Do alto del secondo violino inizierà a vibrare. Così lavorando con i toni di un’ottava possiamo produrre vibrazioni nelle ottave superiori.

Questo principio è usato nella Terapia del Suono e per creare sopratoni che possano interessare corpi di energia più alta del campo di energia umano. Questi corpi di energia secondari (eterico, emozionale, mentale e spirituale) possono essere pensati come delle ottave superiori al corpo fisico. Così, quando lavoriamo coi Chakra del livello fisico, i sopratoni prodotti hanno lo stesso effetto, attraverso la risonanza simpatica, sulle sequenza di energia di vibrazione dei chakra nei corpi superiori.

Ritmo. Il Suono forte e rimbombante delle percussioni ripetuto di continuo per diversi minuti, ha l’effetto di portare la mente cosciente in uno stato “alterato”. Un ritmo molto lento ha un effetto di quiete o sottomissione, mentre un ritmo veloce dà un senso di azione e di movimento.

Melodia. spesso una certa melodia porta alla luce uno specifico ricordo. Alcune melodie fanno sentire leggeri e felici, altre pesanti e depressi. Spesso la Melodia e il Tempo (o Velocità) della stessa si combinano generando una sensazione generale di benessere. Questo può, alternativamente, stimolare il rilascio di endorfine dal cervello che scioglierà lo stress mentale ed emozionale e ridurrà la tensione ed il dolore, soprattutto se la melodia porta alla luce un ricordo veramente piacevole. Questo riequilibra e aiuta a purificarci dai residui delle energie negative.

Armonia. L’armonia è la combinazione di due o più toni in un accordo. Quando la combinazione ha un suono piacevole, colpisce sia il corpo fisico che gli altri corpi in maniera positiva e aiuta il corpo fisico ad accordarsi con le vibrazioni spirituali. L’armonia ci aiuta a trasmutare le condizioni maggiori del corpo e ad “alterare” gli stati di coscienza. Cercando la giusta combinazione di toni e ritmi e della loro armonia, possiamo produrre una risonanza dinamica che corregge ed elimina gli squilibri.

Tonalità. La tonalità è la velocità alla quale le onde sonore vibrano. Più veloci vibrano le onde, più alta sarà la tonalità. Tonalità specifiche colpiscono specifici chakra. Ascoltare un brano musicale composto nella tonalità associata al relativo chakra può aiutare a bilanciarlo.

Timbro. Quando strumenti diversi suonano la stessa nota sulla scala (per esempio 512 Hz, un Do sopra il Do centrale del piano), la caratteristica del timbro fa si che ogni suono sia riconosciuto come separato dall’altro. Un flauto, una tromba, un corno francese, un sassofono soprano, una fisarmonica, un oboe possono suonare la stessa nota, ma ogni suono sarà differente dall’altro. Noi reagiamo in maniera prevedibile a differenti timbri della stessa nota o tono.

Intonazione. La voce umana ha una presenza e una tonalità che la separa da tutti i suoni che ascoltiamo. E’ più personale, più immediata e prende la nostra intera attenzione. A causa di questi fattori, quando ascoltiamo la voce umana, noi rispondiamo su un altro livello emozionale, diverso da quello dei toni musicali, anche se questi suoni sono morbidi e armoniosi. Intonare con la voce umana restaura la sequenza di vibrazione sia del corpo fisico che delle altre nostre dimensioni così che la nostra essenza spirituale può manifestarsi nella sua pienezza attraverso l’ambiente fisico.

di Tiziana Etna

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Recent Comments

F.I.O.F.A è l’acronimo di Federazione Italiana Organizzazioni Festival d’Autore: una nuova realtà nel panorama musicale italiano nata per valorizzare e ampliare gli sforzi di tutti i festival più sani e generosi dedicati alla musica emergente di qualità, in particolare a quegli artisti e autori impegnati nella cosiddetta arte- canzone.

Recent Comments

Andrea Gallo

On mag-24-2011
Reported by adminfiofa

Concluso il Medimex di Bari

On nov-29-2011
Reported by adminfiofa

Franco Mussida, la colpa non è soltanto dei discografici!

On dic-8-2010
Reported by adminfiofa

L’Editoriale n.2

On giu-15-2011
Reported by adminfiofa

Su Itunes l’EP di Flavia Marrali!

On set-8-2012
Reported by adminfiofa

Recent Posts