18
September , 2018
Tuesday

fiofamagazine

diamo voce alla musica

Gli impulsi elettrici, la luce ed i suoni arrivano a noi sotto forma di onde la cui rappresentazione grafica varia al continuo variare di parametri, (come la lunghezza dell’onda stessa), sensibili al mezzo attraverso il quale le stesse si propagano; si veda per esempio l’influenza che può avere l’atmosfera più o meno rarefatta e la sua temperatura in relazione all’onda sonora che la può attraversare.
Schematicamente, il procedimento della digitalizzazione avviene con la scomposizione di suddette onde nelle fasi dello spezzettamento e del campionamento.
 Si supponga ora di dover digitalizzare un suono costituito da una singola onda di tipo sinusoidale.
L’onda, e nell’ipotesi in oggetto quella sonora, è caratterizzata da una velocità e da certa durata che sono rappresentate dalla sua lunghezza sull’asse delle X nell’unità di misura degli Hertz.
Lo spezzettamento che avviene in questa direzione è basato sulla frequenza di misurazione che è generalmente di 44.100 Khz adatta a ricostruire la posizione nel tempo di tutte le onde udibili dall’orecchio umano il quale, è sensibile ad un “range” di frequenze comprese tra i 20 Hz e i 20 Khz.
 Per determinare l’ampiezza del segnale l’onda viene misurata con la sua divisione sull’asse delle Y nell’unità dei Bits, si consideri che con una scansione operata a 16 bit si ottengono all’incirca 65.000 divisioni dell’onda. (fig. sotto)

digital sinjpg.jpg

Come per la frequenza è utile precisare che maggiore è il numero delle divisioni maggiore sarà la precisione della ricostruzione.
Dallo spezzettamento, risultante, è una serie di punti, (nella figura sopra a,b,c…), ai quali viene attribuito un valore che viene successivamente impiegato per la ricostruzione approssimata, per mezzo di un algoritmo, dei segmenti a-b, b-c, c-d, d-e etc.
Nella fase successiva del campionamento viene eseguita la misurazione dell’area dei minuscoli trapezi ottenuti per mezzo di un calcolo integrale, questo non prescinde tuttavia da una inevitabile approssimazione che comporta la generazione di un errore alla base di una imprecisione del campionamento stesso.
 La conversione in altri termini da segnale tempo-continuo, ampiezza-continua ad un flusso di dati binari ad n° bit introduce un errore intrinseco irreversibile che viene detto quantizzazione (µ).
Si consideri che il contenuto digitalizzato per essere riprodotto nuovamente avrà bisogno di una nuova ulteriore conversione.
 La necessaria ricomposizione dell’onda perciò, aggiungerà inevitabilmente altre imprecisioni a quelle precedentemente generate che potranno essere si limitate, ma non eliminate.
Si rappresentano ora graficamente le differenze tra il segnale analogico naturale nel riquadro a sinistra e lo stesso segnale digitalizzato nel riquadro a destra.

segnDig.jpg

Tirando le somme è necessario fare una cosiderazione:

La vedete nell’immagine qui sopra qual’è il risultato di un suono qualsiasi dopo la conversione digitale? Cioè dal microfono al registratore digitale di qualsiasi studio di registrazione?

Bene, è una “approssimazione” una rappresentazione “parziale” del suono originario,  una risoluzione approssimativa e fredda che riduce i dati, il calore, l’essenza stessa della musica registrata.

Ecco perchè i “vecchi vinili” suonavano meglio, con i graffi, il fruscio e tutto il resto, ma il calore del suono originario non veniva “semplificato” e  ridotto ad un “Bignami” musicale.

Ormai il presente è questo, e non possiamo comunque gettarlo via, la velocità di editing, la portabilità su  un lettore mp3 e l’ascolto anche sul telefonino, la possibilità di  spedire  un brano musicale  anche  per  mail…  insomma ci  sono  anche  i  lati positivi,  ma  “LA QUALITA’ ” è sparita in cambio della “PRATICITA’”.

A questo punto non rimane altro che puntare tutto sulla musica LIVE, dove non ci  sono trucchi e inganni, e  i  limiti sono  solo  artistici. Se si vuole godere di vere dinamiche muscali, è meglio ascoltare un concerto…

E  forse  è  meglio così, perchè se è solo davanti ad un palco che è possibile apprezzare ogni nota e ogni decibel sonoro… è anche vero che  solo “sopra” un palco un artista può essere  considerato tale.

Mario Fabiani

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Recent Comments

F.I.O.F.A è l’acronimo di Federazione Italiana Organizzazioni Festival d’Autore: una nuova realtà nel panorama musicale italiano nata per valorizzare e ampliare gli sforzi di tutti i festival più sani e generosi dedicati alla musica emergente di qualità, in particolare a quegli artisti e autori impegnati nella cosiddetta arte- canzone.

Recent Comments

Recent Posts