25
March , 2019
Monday

fiofamagazine

diamo voce alla musica

CREATIVITA’ alla base della filiera

Posted by adminfiofa On marzo - 1 - 2011

NOTE E RIFLESSIONI sulla “CREATIVITA’”

base di tutta la filiera dello spettacolo

di Tiziana Etna

Per molto tempo si è pensato alla  “creatività” come alla capacità di far nascere opere d’arte e lo sviluppo di tale  dote ad esclusivo vantaggio  degli artisti, attribuendo a questi il duplice aggettivo di genio sregolato. Ancora oggi ma soprattutto in passato, comportamenti pittoreschi e stravaganze varie erano concesse se non addirittura attese da chi si era ben conquistato il titolo d’artista.  Io credo invece che la decisione d’intraprendere la carriera artistica, di qual campo si voglia, avvenga per  vocazione e che il genio sia direttamente proporzionale con il talento innato, “sregolato”  poi  è un falso clichè … potrebbe esserlo chiunque, lo è anche lo scienziato pazzo che rivoluziona il mondo.
Prima c’erano: da una parte le persone erette, razionali, osservatrici di regole etiche, morali e con schemi di comportamento lineari, da un’altra i pochi folli e geniali artisti creativi.
Negli ultimi anni fortunatamente parole come creativo e creatività hanno superato questo tipo di logica e sono entrate nel nostro modo di vivere a 360 gradi. Sto per illustrare delle interessanti ricerche in merito, ma prima di continuare desidero fare una premessa: ho chiesto e ringrazio, mi è stato concesso, di inserire questo mio scritto nella sezione “didattica”, per i lettori ma anche un po’ per me, per non perdere lo spirito evolutivo e di ricerca interiore,  perché come qualcuno saprà, da diversi anni sono impegnata in ricerche di sviluppo e crescita del Potenziale umano latente o evidente e nessuno più dei musicisti, dei giornalisti, degli attori, dei ballerini e dei pittori, sa come sia importante mettere in campo tutto il proprio potenziale e come sia fondamentale lavorare per svilupparlo. E se all’esercizio e alla passione aggiungessimo anche un po’ di voglia di crescere a tutti i livelli?! I termini Creatività e Crescere hanno la stessa radice etimologica.
Ma torniamo alla parola “creatività” che riuscirò a spiegare meglio usando le parole usate della sociologa Dede Riva nel saggio “Meditazione per la nuova era” ediz. Mediterranee:  ”…per creatività si intende la capacità di produrre cambiamenti nuovi ed originali ricorrendo ad associazioni d’ idee non sequenziali ma parallele. …se il pensiero razionale è di tipo verticale,ovvero, il pensiero C deriva dal pensiero B che deriva dal pensiero A, il pensiero creativo è di tipo orizzontale. ..è  quindi in grado di accedere a più fonti simultaneamente, individuando in tempi brevi associazioni non prevedibili ed innovative”. Nel paragrafo specifico  Dede Riva illustra come la meditazione  sia in grado di stimolare il processo di sviluppo della creatività, azione che stimola ogni processo di sviluppo e che consiglio vivamente,insieme a molte tecniche di respirazione consapevole ma che non approfondirò in questa sede.
Attraverso  la ricerca sperimentale gli studiosi americani Frank Barron e Arthur J. Cropley hanno potuto tracciare alcune caratteristiche della persona creativa che riporto testualmente.
LA PERSONA CREATIVA:
•    è osservatrice.
•    esprime soltanto verità parziali.
•    vede le cose come gli altri ma anche in modo diverso.
•    ha molte idee contemporaneamente e le confronta, arrivando più facilmente ad una sintesi più ricca.
•    Diventa più consapevole delle motivazioni inconsce e delle fantasie.
•    Permette che la distinzione tra soggetto e oggetto scompaia per certi periodi di tempo, come nell’amore e nel misticismo “…. e nella musica”.
•    Tende al cambiamento e all’impresa arrischiata.
•    Da libero corso ai suoi impulsi, per cui ogni tanto manifesta una carenza di disciplina, pur essendo assolutamente capace di imporsi una misura elevata di autodisciplina se si tratta di un obiettivo al quale attribuisce molto valore.
•    E’ aperta a nuove idee.
•    In certe occasioni mette in discussione l’autorità e le norme vigenti.(Con moderazione)
•    Preferisce una pianificazione non rigida ma flessibile.
•    Possiede grandi capacità reattive e una flessibilità tale da riuscire ad adattarsi rapidamente ai nuovi dati di fatto.
•    Possiede un alto grado di resistenza allo stress ed una scarsa predisposizione all’angoscia.
•    In genere è immune da sentimenti d’inferiorità.
•    Ama il contatto con gli altri, è convincente e riesce a farsi valere senza affettazione o prevaricazione.
•    È capace di esprimersi ed è aperta alle esperienze artistiche
Per concludere con la stessa citazione di Erich Fromm  usata dalla Riva …
“Essere creativi significa considerare tutto il processo vitale come un processo della nascita e non interpretare ogni fase della vita come una fase finale. Molti muoiono senza essere mai nati completamente.
Creatività è aver portato a termine la propria nascita prima di morire”

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Recent Comments

AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE DI AREZZO N.6/2011 DEL 13 /5/2011

Recent Comments

FLAVIA MARRALI ritira il Premio “A LICATA C’E”

On gen-13-2014
Reported by adminfiofa

Voci d’oro verso la conclusione

On set-6-2011
Reported by adminfiofa

Una voce x domani

On giu-7-2013
Reported by adminfiofa

Giovanissima 2011

On mar-6-2011
Reported by adminfiofa

CONVENTION FIOFA …è finita la crisi?

On ott-1-2010
Reported by adminfiofa

Recent Posts