23
July , 2018
Monday

fiofamagazine

diamo voce alla musica

La Fortezza Vecchia ancora una volta, e finalmente “di nuovo” , cornice e contenitore della ...
E’ il gioco di chi urla di più, il rialzo ...
 la musica a sostegno dello sviluppo armonico dei bambini e degli adolescenti di Tiziana Etna L'azione di ...
L'Associazione Musica Controcorrente in collaborazione con Allinfo.it FAENZA - Domenica 28 Novembre 2010 Sala Stampa M.E.I. ...
Continuano voci e polemiche sul "Vecchio e Nuovo IMAIE". I reati commessi, a tutt’oggi non ...
              GOLDEN DISC in collaborazione con SPAZIO D'AUTORE Prorogati al 30 ...
FLAVIA MARRALI alle selezioni di Sanremo Giovani 2011 con il brano: MALDAMORE (F.Marrali/M.Fabiani) Ascoltalo nel player del ...
Giovedì 26 Aprile 2012 alle ore 18 in Viale Ariosto a Sesto Fiorentino inizia il ...
M U S I C U L T U R A Festival della canzone popolare e ...
EMISSIONE TELEVISIVA CON 2 SPECIAL  SU SKY CANALE 941 GIOVEDI' 23 DICEMBRE ORE 22.30 SABATO 25 DICEMBRE ...

Archive for febbraio, 2018

“L’Asso”: il nuovo singolo di Lorenzo Iuracà

Posted by adminfiofa On febbraio - 18 - 2018 ADD COMMENTS
“L’Asso” è il nuovo singolo di Lorenzo Iuracà  che dopo qualche anno di assenza torna sulla scena musicale da solista; il supporto degli Approssimativi, tuttavia non svanisce del tutto e gode del sodalizio artistico ormai consolidato con il chitarrista Giovanni Giustiniano ed il tastierista Alex Bimbi.
Il brano, scaricabile gratuitamente su Soundcloud  dal 5 febbraio 2018, segna una sorta di punto zero nel percorso musicale del cantautore toscano e rivela la maturazione di un esperienza. Una rinascita artistica annunciata o semplicemente la conclusione di un ciclo? il testo lascia pensare ad entrambi.
“Capita”, racconta l’autore, “che restiamo vittime della fortuna, o che le attribuiamo la responsabilità  della nostra vita, la bramiamo, la invochiamo e poi ci soffermiamo a riflettere e capiamo che molto dipende dal nostro modo di considerarla tale. Come in una partita a carte, uno pensa di avere una mano vincente e in preda all’euforia si gioca tutto, ogni cosa,  e poi si accorge che non era davvero cosi vincente.”
La metafora rappresentata nel video, è quella di una partita a poker contro se stessi, contro i diversi aspetti della vita del personaggio, come nella vita di ognuno; il bravo ragazzo, il trasgressivo, l’ambizioso e l’amorevole. La dea fortuna bacia tutti, come a voler significare che può farlo in ogni contesto di vita contemporaneamente o in nessuno, ma quando arriva passa e va’ e porta illusioni e conseguenti disincanti; ma può sedurre e poi voltare le spalle solo se non si ha abbastanza fiducia in se stessi.
Registrato presso lo studio Sonoria Recording di Andrea Benassai che ne ha curato la produzione e gli arrangiamenti.
La regia del video è a cura di Antonino Amoroso. La dea bendata è stata interpretata dalla modella Linda Sonetti (Miss Livorno 2015) , mentre il croupier è interpretato dal musicista Giovanni Giustiniano. Girato presso ASd Donkey Kong e <universal Dance School di Livorno. (TE)
 Link al download gratuito de “L’Asso” di Lorenzo Iuracà:
Link al Video Ufficiale:
Pagina FB ufficiale di Lorenzo Iuracà:

Casa Sanremo: premio ” Musica per un Angelo” a Moka e Massimo Gentili lo consegna Red Ronny

Posted by adminfiofa On febbraio - 16 - 2018 ADD COMMENTS

“Un momento bellissimo, indimenticabile” cosi’ definiscono i due interpreti l’inaspettato intervento nel loro show case di Red Ronny, tra l’altro parcheggiato sotto il Palafiori per accogliere e promuovere emergenti dal suo furgoncino fiat durante tutta la settimana del festival .  “Un incontro, un prestigioso riconoscimento ed un istintivo e compiaciuto bacio sulle labbra da parte di Red Ronny a Moka “, cosi riassumono quanto hanno vissuto Massimo e Moka sabato 10 febbraio nel contesto di Casa Sanremo; una delle  location più ricercate dagli artisti chiamati ad esibirsi in una delle tante valide iniziative collaterali al festival della canzone italiana .  Con il premio dedicato alle azioni artistiche a scopo benefico, i due cantanti, che da anni collaborano ad album e a progetti di natura socio-umanitaria, raggiungono un importante riconoscimento musicale, confermando un sodalizio capace di avvalersi  delle infinite qualità della musica e del bel canto. Moka e Massimo si sono esibiti davanti ad una folta platea di addetti ai lavori, tra i quali:  giornalisti, speaker, artisti, organizzatori ecc . “ Dopo aver cantato nella sala Ivan Graziani del Pala Fiori  abbiamo ricevuto il riconoscimento “Musica per un angelo” per i download internazionali e le migliaia di copie vendute dell’album, il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza per la lotta contro i tumori infantili. Red Ronnie ha voluto omaggiarci, proprio per il progetto, consegnandoci lui stesso il premio ed abbracciandoci forte. L’emozione è divenuta incontenibile quando ci ha regalato un finale inaspettato, infatti, all’improvviso ha preso tra le mani il viso di Moka e l’ha baciata sulle labbra; in quel bacio abbiamo sentito un sincero ed istintivo senso di condivisione e nel vedere quel gesto, così particolare,  mi sono sentito orgoglioso del nostro lavoro”:- racconta il tenore toscano Massimo Gentili.  Continua Monica Docci in arte Moka:-“E’ stato così emozionante ed imprevisto, Red Ronny è una persona che ammiro da anni e per la mia crescita artistica è stato fondamentale, che ancora non ci credo! sono stati pochi minuti, ma intensi. Alla fine io e Massimo ci siamo guardati esterefatti ma felici del percorso insieme”.  Massimo e Moka  hanno da poco pubblicato il secondo album dal titolo ”Sfumature” e presto saranno in giro per presentarlo. di Tiziana Etna

Ambire ad un palco di Sanremo?non è l’Ariston! istruzioni per l’uso…

Posted by adminfiofa On febbraio - 12 - 2018 ADD COMMENTS

Il palco dell’Ariston per il festival di Sanremo è una meta ambita da tanti, per non dire quasi tutti, tanto prestigioso da far sembrare prestigioso tutto quello che gli ruota intorno, ci sono davvero tante iniziative collaterali e danno spazio ai giovani artisti emergenti che si sono distinti conquistando premi di spessore nazionale o nel panorama della discografia indi, ma gli artisti che ambiscono a conquistare anche un palco nei dintorni, devono stare molto attenti o per lo meno devono diventare consapevoli. Ci sono eventi ed eventi ed è possibile che qualche agenzia di spettacolo vi chieda dei soldi per farvi esibire, magari promettendo qualche intervista tra la moltitudine di radio presenti in quei giorni, che sarà radio “stavo meglio a casa se penso che un talent scout si accorga di me”, è giusto fin qui; all’organizzatore quello spazio costerà molto, Il problema sarà vostro se avrete aspettative, cogliete l’occasione per conoscere chi come voi, promuovere i vostri progetti, fare pubbliche relazioni. Volevo pubblicare ciò nella sezione didattica ma poi ho optato per il blog, per raccontare la mia esperienza ed assumere toni personali e confidenziali.

Sono apena rientrata da Sanremo, per la quinta volta in occasione del festival; i primi tre anni insieme al nostro editore Pino Scarpettini per accompagnare le rivelazioni Fiofa, Cloudisque o Spazio d’Autore, certo non c’erano tutti gli artisti iscritti ma erano rivelazioni autentiche scelte per essere li e non paganti. Il mio quarto Sanremo fù da freelance e l’attenzione andò ad un gruppo, nel quale c’era un artista calabrese che stimo molto, tutti nervosi e disagiati mi raccontarono di questi manager che vendevano l’esibizione di due brani, pompandosi la bocca con casa sanremo o dove è la sala stampa e promettendo di essere ascolati da chi conta per poi ritrovarsi a cantarne uno e pure tagliato in una stanza a porte chiuse. Niente di tutto ciò è stat da me vissuto in questo Sanremo, sicuramente qualche gruppo di seguito a presunti manager ci sarà stato e qualcuno di loro sarà stato deluso della location e dal prezzo di una esibizione, ma i ragazzi con i quali ero, erano i protagonisti di un programma tv consapevoli di svolgere una registrazione conclusiva e desiderosi di trascorrere qualche giorno insieme in una vacanza musicale adatta alle loro aspirazioni e si sono ritrovati a passare le giornate ad attendere una camera, tra l’altro pagata, perchè l’organizzazione negli stessi giorni(della quale non si viene a capo) aveva venduto due e tre volte la stessa camera. Non si puo’ fermare questo sistema di cose, solo imparare a riconoscerlo prima di cadere vittime. L’esperienza insegna a muoversi autonomi, a quanto pare anche nel trovare alloggio e se si aderisce a qualcosa che si paga essere consapevoli che puo’ portare solo a socializzare, anzi cogliere l’occasione per promuoversi e non farsi notare…non è il contesto!

Nessun produttore mai vi porterà all’Ariston per il Festival senza avervi fatto fare un lungo percorso, neanche chi ne ha le possibilità.

Tiziana Etna

Sanremo 2018 dal presunto plagio alla vittoria assoluta

Posted by adminfiofa On febbraio - 12 - 2018 ADD COMMENTS

di Tiziana Etna

Il brano più discusso ma anche più quotato fin dall’inizio, vince il sessantottesimo festival di Sanremo: “Non mi avete fatto niente” cantato da Ermal Meta e Fabrizio Moro, coppia niente male. Era emersa l’imbarazzante accusa di plagio, riscontrata da un ritornello praticamente identico ad una canzone presentata nelle giovani proposte nel 2016, accusa improbabile in quanto i due brani risultano opere dello stesso autore che non può autoaccusarsi, tra l’altro, per regolamento del festival, un autore può rappresentare se stesso per il trenta per cento del un nuovo inedito, cosa un po’ controversa dato che sempre per regolamento, la canzone presentata al festival deve essere assolutamente inedita. La cosa di per sé ci dimostra come differenti giurie, interpreti noti ed arraggiamenti, possono cambiare l’opinione rispetto ad un brano; fatto sta che il brano è bello e arriva tutto il suo messaggio e in entrambe le versioni. Il festival degli autori, l’eredità di Dalla attraverso “almeno Pensami” con un Ron beneficiario. La favola di Max Gazzè trascende il festival e si colloca nel podio delle opere moderne. Tra i brani maggiormente apprezzati dal nostro gruppo d’ascolto c’è senza dubbio Annalisa con “Il mondo prima di te” meritevole del terzo posto, Vanoni, Bungaro e Pacifico “Imparare ad amarsi”e Nina Zilla con “Senza Appartenere” e “Custodire” di Renzo Rubino. Per “Adesso” di Diodato e Roy Paci avremmo preferitoalmeno un secondo posto, ma va bene l’allegra “Una vita in vacanza” rimembrante di un Rino Gaetano ribattezzato “Con Sense” de Lo Stato Sociale. Sia nei social che nelle sale sanremesi c’è stato chi ha sostenuto che i duetti del direttore artistico di quest’anno: Claudio Baglioni con gli ospiti siano sono stati davvero troppi, ma a nostro avviso ha vinto la scomessa, forse avrebbe potuto cantare qualcosina in più dei grandi autori del passato e qualcosa in meno di suo, ma ha reso il format un po’ nuovo, sicuramente sostenuto da una fantastica la Michelle nazionale e da un bravissimo Favino. Tra le giovani proposte Mirco Eilcane era il preferito induscusso ma tutti brani ci hanno rivelato artisti promettenti.

Recent Comments

F.I.O.F.A è l’acronimo di Federazione Italiana Organizzazioni Festival d’Autore: una nuova realtà nel panorama musicale italiano nata per valorizzare e ampliare gli sforzi di tutti i festival più sani e generosi dedicati alla musica emergente di qualità, in particolare a quegli artisti e autori impegnati nella cosiddetta arte- canzone.

Recent Comments

Spazio Gedeone “lezioni aperte”

On giu-24-2011
Reported by adminfiofa

premio Andrea Parodi

On ago-18-2012
Reported by adminfiofa

anteprime Trolls

On mar-6-2012
Reported by adminfiofa

al via le selezioni MCC

On mag-15-2013
Reported by adminfiofa

Recent Posts