3
June , 2020
Wednesday

fiofamagazine

diamo voce alla musica

TROLLS-LAB FEST auguri per il 2014 Si è chiuso l’anno 2013 il 27 dicembre all’Elvis ...
di Elisa Bartalini Quando all’inizio dell’anno scolastico riaprono le scuole, mi vengono in mente i tanti ...
iLiveMusic è lieta di annunciare la partnership con Musika – Roma Music Expo, la più ...
È RIPARTITO IL PB SHOW CON PAOLO BORUNI Il 7 Gennaio, è andata in onda la ...
Continuano voci e polemiche sul "Vecchio e Nuovo IMAIE". I reati commessi, a tutt’oggi non ...
TEATRO  OUT OFF   LUNEDI’  3 – 10 – 17 – DICEMBRE 2012 ore 21,00   MI E LU SEMM ...
di Tiziana Etna Giunti a San Giminiano si entra nelle mura che sussurrano storie e racconti, ...
MORIRE DI SUCCESSO… continua  (dall’Editoriale di Pino Scarpettini ) ….. ripreso dall’articolo di luglio 2011 su ...
Musica controcorrente 2013 Ecco i nomi dei 24 concorrenti che accedono alle serate finali del Concorso ...
Pronti per l'HD Concert di Mirna Brancotti, il rack Sonum H2O è quasi completo! Altri 10 ...

Archive for the ‘festival news’ Category

VOTA PREMIO SPAZIO DAUTORE ….. sul link

Posted by adminfiofa On aprile - 27 - 2020 ADD COMMENTS
VOTA  PREMIO SPAZIO DAUTORE ….. sul link

Ogni festival avra’ uno spazio nel quale si presentera’ e presentera’ i suoi migliori artisti e potra’ fare un appello per una raccolta fondi a sostegno della musica e di strutture sanitarie del territorio, così da realizzare un viaggio attraverso i festival di tutta l’Italia e di tutte le nuove musiche del nostro paese.

Durante la giornata saranno interpellati i principali responsabili delle associazioni, delle imprese, dei lavoratori del settore musica per chiedere loro una fotografia sulla situazione della musica oggi in Italia, sugli interventi del Governo e dei privati e sugli scenari futuri per il settore, attraverso gli appelli diramati dagli Stati Generali della Musica Indipendente ed Emergente, siglati da 16 associazioni del settore rappresentanti di tutta filiera creativa e tecnica delle piccole imprese e dei lavoratori precari della musica,  e da altre realta’ come il Silb per il mondo delle discoteche, la Discoteca Laziale per i  Negozi di Dischi, Cafim per gli Strumenti Musicali, A-Dj e AssoDejay per i disc jockey, l’Unione delle Orchestre per il Nord e l’Appello degli Artisti Folk per il Sud, Anat e Asmea per i promoter delle feste popolari, It Folk per i festival di area folk, Siedas per gli esperti di diritto d’autore e connessi, Esibirsi per i lavoratori precari dello spettacolo,il mondo sindacale e cooperativo, il circuito del jazz coi suoi rappresentanti e il circuito degli artisti che sta lavorando a un coordinamento e tantissimi altri soggetti.

Tra gli oltre 1500 aderenti della prima L’Italia in una Stanza ci piace ricordare dal mondo della musica e dello spettacolo tra gli altri Renzo Arbore con la sua Orchestra di Quelli della Notte con Nino Frassica e tantissimi altri artisti,  la reunion esclusiva degli Osanna,  Petra Magoni, La Municipal, Gege’ Telesforo, Paolo Belli, Beppe Carletti, Nomadi, Lorenzo Baglioni, Roberta Giallo, Tony Pagliuca de Le Orme,  Roberta Faccani, Erica Mou, Edoardo De Angelis, Francesco Baccini,  Kutso, Yo Yo Mundi, Giovanni Gulino di Marta sui Tubi, Dado Moroni, Alberto Bertoli, Fabrizio Taver Tavernelli , Gessica Notaro, Cisco, Alessandro Gaetano, Marco Carena, Alberto Fortis, Jalisse, Luca Bassanese, Giangilberto Monti, Lu Colombo,  Moreno Il Biondo, Franz Campi, Il Parto delle Nuvole Pesanti, Sara 6, , Giuseppe Giacobazzi, Chiara Sani, Paolo Fantoni e Davide Dalfiume e il progetto #nonspegniamolamusicadalvivo con Mauro Ermanno Giovanardi, Perturbazione, Emanuele Dabbono, Lorenzo Monguzzi e tanti altri e la guest Jay Kay dei Jamiroquai e tanti altri ancora e con la colonna sonora di  Fabio Abate con “Sono loro gli eroi” che ha aperto e chiuso le due dirette.

 

La giornata di giovedì 30 aprile non stop sara’ presentata da Giordano Sangiorgi ed Enrico Spada coadiuvati da Enrico Deregibus e Ivana Stjepanovic e da Margherita Ventura e Claudio Bolognesi.

Rete dei Festival

Posted by adminfiofa On aprile - 23 - 2020 ADD COMMENTS

Dopo il grande successo de L’Italia in una Stanza con 235 mila spettatori, 400 contributi video, 1.500 personaggi e musicisti del mondo della musica e dello sport coinvolti, 50 mila euro raccolti per la Protezione Civile, insieme a 50 associazioni, con Renzo Arbore testimonial, circa 50mila euro raccolti per la Protezione Civile contro il Corona Virus, torna con una grande giornata il Festival Day a Sostegno della Musica il prossimo giovedì 30 aprile, con una giornata dedicata ai festival del nostro paese, pilastro fondamentale della diffusione di musica e della piattaforma di scouting del Made in Italy musicale.

Infatti, dopo il positivo bilancio della due giorni di musica, sport e solidarietà de ‘L’Italia in una Stanza’, con 28 ore di diretta sul sito web tv Sport2u e sui siti web e sui canali social di OASport, Mei-Meeting delle Etichette Indipendenti, OAPlus, Lepida Tv, si e’ pensato di raddoppiare con una giornata che vede ad oggi l’adesione di oltre 60 festival presenti in tutta Italia e collegati insieme grazie alla ricca Rete dei Festival e Contest italiani che vede tra i portavoce unendo l’Italia Michele Lionello di Voci per la Liberta’, Roberto Grossi di Varigotti Festival e Giuseppe Marasco di Calabria Sona, tra gli altri, insieme ad AudioCoop, il coordinamento delle etichette discografiche indipendenti in Italia, e AIA, l’Associazione Italiana Artisti di Renato Marengo e Enrico Capuano.
Nata da un’idea di Giordano Sangiorgi, organizzatore del MEI e titolare di Meiweb.it, con il supporto di Enrico Spada, editore di OASport e di OAPlus, l’iniziativa, per la prima iniziativa si ricorda che, oltre al grande Renzo Arbore,  hanno partecipato Paolo Belli & i Nomadi, Petra Magoni, Giovanni Gulino di Marta sui Tubi, Alberto Fortis, Francesco Baccini, Alberto Bertoli, la reunion degli Osanna e tantissimi altri nomi , per i festival hanno gia’ aderito, oltre al MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti,  tantissimi festival provenienti da ogni parte d’Italia che interverranno nel Festival Day del 30 aprile a Sostegno della Musica e di tutte le Imprese e i Lavoratori della Musica, oltre 10 mila imprese con oltre 60 mila addetti, e saranno: Voci per la Liberta’, Rock Targato Italia, Premio Ciampi, Premio InediTO, Varigotti Festival, Calabria Sona, Uploadsounds, Botteghe d’Autore, OrientOccidente, Poggio Bustone, Premio Andrea Parodi, Folkest, Premio Osservatorio Giovani, Ghetto Nobile, Chez Donella, Premio Spazio d’Autore, Mazzarano World Fest, Acqua e Vino, Lennon Festival, Roccaling, Tienilpalco!, Trasporti Eccezionali, Afraka’ Rock Festival, Musplan , Ethnos Festival, Divino Jazz Festival,  Biella Festival, Mo’ l’Estate Spirit Festival, , Castelrock, Orzorock, Gran Premio Manente, Le Castella Tarantella Week, Radicamenti, Taranta e Dintorni, Diatonic Festival, Tarantasia, Capo Festival, Materiali in Scena, Europla’, Premio Corrado Castellari, Cultural’Mente Indipendente, Fuochi e D’Intorni, Talent World Contest, Next Generation Festival, Verona in Love, Vox Day e tanti altri ancora.

Ogni festival avra’ uno spazio nel quale si presentera’ e presentera’ i suoi migliori artisti e potra’ fare un appello per una raccolta fondi a sostegno della musica e di strutture sanitarie del territorio, così da realizzare un viaggio attraverso i festival di tutta l’Italia e di tutte le nuove musiche del nostro paese.

Durante la giornata saranno interpellati i principali responsabili delle associazioni, delle imprese, dei lavoratori del settore musica per chiedere loro una fotografia sulla situazione della musica oggi in Italia, sugli interventi del Governo e dei privati e sugli scenari futuri per il settore, attraverso gli appelli diramati dagli Stati Generali della Musica Indipendente ed Emergente, siglati da 16 associazioni del settore rappresentanti di tutta filiera creativa e tecnica delle piccole imprese e dei lavoratori precari della musica,  e da altre realta’ come il Silb per il mondo delle discoteche, la Discoteca Laziale per i  Negozi di Dischi, Cafim per gli Strumenti Musicali, A-Dj e AssoDejay per i disc jockey, l’Unione delle Orchestre per il Nord e l’Appello degli Artisti Folk per il Sud, Anat e Asmea per i promoter delle feste popolari, It Folk per i festival di area folk, Siedas per gli esperti di diritto d’autore e connessi, Esibirsi per i lavoratori precari dello spettacolo,il mondo sindacale e cooperativo, il circuito del jazz coi suoi rappresentanti e il circuito degli artisti che sta lavorando a un coordinamento e tantissimi altri soggetti.

Tra gli oltre 1500 aderenti della prima L’Italia in una Stanza ci piace ricordare dal mondo della musica e dello spettacolo tra gli altri Renzo Arbore con la sua Orchestra di Quelli della Notte con Nino Frassica e tantissimi altri artisti,  la reunion esclusiva degli Osanna,  Petra Magoni, La Municipal, Gege’ Telesforo, Paolo Belli, Beppe Carletti, Nomadi, Lorenzo Baglioni, Roberta Giallo, Tony Pagliuca de Le Orme,  Roberta Faccani, Erica Mou, Edoardo De Angelis, Francesco Baccini,  Kutso, Yo Yo Mundi, Giovanni Gulino di Marta sui Tubi, Dado Moroni, Alberto Bertoli, Fabrizio Taver Tavernelli , Gessica Notaro, Cisco, Alessandro Gaetano, Marco Carena, Alberto Fortis, Jalisse, Luca Bassanese, Giangilberto Monti, Lu Colombo,  Moreno Il Biondo, Franz Campi, Il Parto delle Nuvole Pesanti, Sara 6, , Giuseppe Giacobazzi, Chiara Sani, Paolo Fantoni e Davide Dalfiume e il progetto #nonspegniamolamusicadalvivo con Mauro Ermanno Giovanardi, Perturbazione, Emanuele Dabbono, Lorenzo Monguzzi e tanti altri e la guest Jay Kay dei Jamiroquai e tanti altri ancora e con la colonna sonora di  Fabio Abate con “Sono loro gli eroi” che ha aperto e chiuso le due dirette.

La giornata di giovedì 30 aprile non stop sara’ presentata da Giordano Sangiorgi ed Enrico Spada coadiuvati da Enrico Deregibus e Ivana Stjepanovic e da Margherita Ventura e Claudio Bolognesi.

Spazio d’Autore; L’omaggio a Rino Gaetano

Posted by adminfiofa On agosto - 10 - 2019 ADD COMMENTS

Spazio d’Autore nasce nei lontani anni 80′  profondamente ispirato dall’originalità cantautorale di Rino Gaetano, l’autore italiano che malgrado una vita brevissima, ha fatto la storia della musica; l’unico che ha lasciato in eredità uno stile ed un genere musicale: il no sense e l’unico che conduce inconsapevole una carriera infinita, ispirando non solo Spazio d’Autore, ma generazioni e generazioni di cantautori. La dimostrazione l’abbiamo avuta ieri sera, in occasione della prima serata della trentasettesima edizione di Spazio d’Autore, è bastato assistere alle performance delle rivelazioni new generation e dei vip premiati alla carriera  per comprendere la portata del contributo che ha offerto la sua musica al panorama cantautorale italiano passato, presente…e futuro. Per l’occasione infatti, ogni artista aveva l’opportunità di cantare due brani e quasi tutti hanno scelto di cantarne uno proprio ed uno di Rino ed il ricordo, soprattutto quello dei brani meno noti, è stato emozionante.

Presentato dalle Soprano che aprono e chiudono le serate del 9 e 10 agosto a San Giminiano cantando e deliziando il pubblico con i brani tratti dal loro cd Disegual , Spazio d’Autore  promette un edizione speciale: sicuramente la conduzione femminile triplicata e di settore, permette una presentazione non ordinaria degli artisti in rassegna ed arricchisce ma  al tempo stesso alleggerisce il palco; il valore aggiunto è  la cornice naturale della Rocca di Montestaffoli.

Premiati alla carriera nella serata del 9 agosto: il cantautore Stefano Ardenghi, la cantante ed autrice Donatella Milani ed il dottor Franco Fussi ( del quale torneremo a parlare).

Alcuni fuori programmi lasceranno il ricordo in chi l’ha vissuto, come il duetto improvvisato di  Donatella Milani con Manola e con la piccola Flaminia. Tanti gli artisti di questa prima serata, tanti gli omaggi a Rino Gaetano, tanti bei brani noti e tanti i brani d’autore, ma la vera rivelazione della serata è stato Salvatore Di Sirio e nel suo esordio di poeta.

Sono saliti sul palco di Spazio d’Autore prima serata 9 agosto 2019 : Manola, Max Marinaro, Francesco e Giusy, Fabbrostik, Silvia Giannini, Dario Arrabito, Erika Corbinelli, Giulia Conti, Elisa Sardelli, Isabella Fiaschi e freschi freschi di seconda uscita discografica i Fuorisagoma.

 

di Tiziana Etna

37a edizione del Premio Spazio d’Autore 2019

Posted by adminfiofa On luglio - 31 - 2019 ADD COMMENTS

Premio-Spazio-d'autore-9-10-agosto-2019

PREMIO SPAZIO D’AUTORE 2019 – 37^ EDIZIONE

COMUNICATO STAMPA

Sta per iniziare il conto alla rovescia sull’inizio giunto alla 37^ edizione.

La manifestazione, che da sempre si distingue per l’importanza del suo premio che, come ricorda il Patron Pino Scarpettini Fu lo scultore Max Squillace a dar vita alla statuetta in bronzo contenente i simboli del cantautorato, uno strumento musicale e l’artista che entrano in simbiosi. Spazio d’Autore nasce quindi per voler riconoscere l’opera d’ingegno artistica nella sua veste più ampia, quella cantautorale italiana.

E’ con questo spirito che si aprirà il 9 agosto la prima delle due serate dedicata in parte alla premiazione di un artista che si è impegnato nella reinterpretazione di un cantautore scomparso ormai dal 1981: Rino Gaetano. E infatti Artù (all’anagrafe Alessio Dari) salirà sul palco per ricevere il prestigioso premio Rino Gaetano direttamente dalla sorella Anna Gaetano che sarà ospite della serata. Oltre ad Artù il carnet di artisti si arricchisce grazie alla presenza dell’artista Stefano Ardenghi che, con il brano “La consapevolezza della fine” lanciato nelle radio il 26 Aprile che affronta il tema toccante della fine viene tracciato in tutte le sue sfumature per poi farsi strada con una luce nuova in un nuovo percorso. A far da cornice a questi meravigliosi artisti avremo un gruppo di giovani New Generation che la produzione ha selezionato come meritevoli di attenzione per il futuro della scena cantautorale italiana: Pierfrancesco Nannoni e Giusy Signoretta, Max Marinaro (già premiato come artista emergenze), Dario Arrabito, Fabbrostik, Manola, i Fuori Sagoma, Giulia Conti e poi gli interpreti Silvia Giannini, Erika Corbinelli, Elisa Sardelli e la giovanissima Isabella Fiaschi.

Sarà la serata del 10 agosto invece a raccogliere la partecipazione di due “poeti” della canzone italiana del calibro di Bungaro e Mario Venuti. Entrambi, spiccano per la loro capacità poetica di raccontarsi e raccontare emozioni e stati d’animo attraverso stili diversi ma entrambi riconoscibili ed intensi. Bungaro, definito l’Autore delle donne, ha regalato pagine immense alle voci femminili più importanti del panorama musicale italiano tra cui Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Malika Ayane, ha collaborato con grandi autori come Morandi, Raf e Mengoni ricevendo il premio della critica per la sua partecipazione al Festival di Sanremo e numerosi altri premi come il Lunezia, Musicultura, Premio Ciak d’Oro ecc. Insieme a lui sarà Mario Venuti a ricevere il premio alla carriera. Artista poliedrico dal carattere pop evoluto in un particolarissimo mix di elementi diversi inconfondibilmente marchiati dalla sua penna e dalla sua voce, rappresenta un pilastro della musica cantautorale italiana che, oltre a vantare collaborazioni illustri (ricordiamo quello con Carmen Consoli, Antonella Ruggiero e Raf) riceve plausi e consensi per il suo stile e modo di raccontare momenti di vita visti da prospettive sempre nuove. Vince molti premi importanti tra cui ricordiamo con il brano “Crudele” a Sanremo i premi Mia Martini e il premio della Critica. Insieme a loro ci sarà spazio per la musica strumentale con il chitarrista Pietro Nobile compositore, arrangiatore, produttore che è noto soprattutto per la sua tecnica del fingerstyle. Durante la sua carriera ha partecipato a progetti con tanti artisti italiani e stranieri , tra cui Marcel Dadi, Mogol-Mario Lavezzi, Flavio Oreglio, Vinnie Colaiuta, Simon Phillips, Tony Levin, Herbert Pagani, Gatto Panceri. Da cornice ai BIG ci saranno: Gloria Conti, Pierfrancesco Nannoni e Giusu Signoretta, Giulia Conti,

 

 

 

Dario Arrabito, Erika Corbinelli, Elisa Sardelli, Isabella Fiasci, manola, Fabbrostik, Francesco Fenzi e il bravissimo Lorenzo Iuracà.

Oltre a produttori e discografici fra i quali ricordiamo Daniele Spaziani, Sergio Garroni (premio musica controcorrente), ISI Produzioni e l’Avvocato Leopoldo Lombardi, Spazio d’Autore avrà il privilegio ospitare il Prof. Franco Fussi Medico-chirurgo, specialista in Foniatria e Otorinolaringoiatria, Responsabile del Centro Audiologico Foniatrico dell’Azienda USL di Romagna a Ravenna, Responsabile scientifico del corso di Alta Formazione in Vocologia Artistica dell’Università di Bologna diretto dal prof. Angelo Pompilio (con sede a Ravenna), Docente al Corso di Laurea di Logopedia dell’Università degli Studi di Bologna e già docente al Corso di Specializzazione in Audiologia e Foniatria dell’Università di Ferrara. Consulente Foniatra presso il Teatro Comunale di Bologna, l’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, il Rossini Opera Festival e la Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino. Membro eletto del Collegium Medicorum Theatri. L’illustre medico, noto come il dottore dei cantanti e degli specialisti della voce consegnerà il Premio LA VOCE ARTISTICA coniato eccezionalmente per questa occasione sancendo così la nascita di un premio speciale dedicato alla voce dei cantanti.

Gli spettacoli, realizzati in collaborazione con la Regione Toscana, il Comune di San Gimignano, ed il Consorzio Vernaccia di San Gimignano per Calici di Stelle, vedrà la conduzione del Trio LE SOPRANO (Elisa Bartalini, Lucia D’Errico, Silvia Giannini) testimonial AIDO per la Toscana che faranno ascoltare anche alcuni dei loro brani tratti dall’ultimo LP Impressions.

Ricordiamo gli appuntamenti: 9-10 Agosto ore 21,30 Rocca di Montestraffoli – San Gimignano – INGRESSO GRATUITO

Spazio d'autore Max Squillace

Lupinaio Summer Fest; aperte le iscrizioni al nuovo contest

Posted by adminfiofa On giugno - 25 - 2019 ADD COMMENTS

di Tiziana Etna

La novità dell’estate 2019 è “Lupinaio Summer Fest” –il caldo estivo, il cielo stellato, la buona cucina e lo star bene insieme nel flusso  della musica, sono il pretesto e la scenografia del nuovo  contest per cantanti ed autori.  Suddiviso nelle categorie: ” Brani Inediti” e Brani Editi”  si terrà il  27 -28 Luglio 2019 e vedrà due selezioni e due premiazioni. distinte e separate; ma sarà comunque un’unica grande festa.  La direzione artistica de Lupinaio Summer Fest ha dichiarato ufficialmente aperte  le iscrizioni fino al 20 luglio 2019 per partecipare alla prima edizione del contest . Per partecipare  è sufficiente compilare la scheda di iscrizione a l’indirizzo :https://www.poloartisticovinile.it/lupinaio-summer-festival/   e seguire le istruzioni.

Nel tentativo di trasmettere le motivazioni che animano la creazione dell’evento,   si può riassumere dicendo che  Lupinaio Summer Fest è come la festa della “canzone”: scritta ed interpretata; che nasce dal desiderio di dare spazio e voce alle nuove idee, senza tuttavia mancare di celebrare i grandi brani, italiani ed internazionali, attraverso l’originalità delle voci e delle reinterpretazioni .

Lupinaio Summer Fest è una due giorni dedicata, frutto della collaborazione e della condivisione per i valori che circondano il canto e la passione per la musica, come quella che lega la neonata etichetta “i per I Recording Label” dell Polo Artistico Vinile di Livorno, al Lupinaio CSD di Stagno, Collesalvetti e che legano entrambe a Radio Incontro di Pisa; la quale a sua volta, attraverso lo spazio radiofonico di Marco Leonetti è sempre aperta e disponibile  alla divulgazione della buona musica emergente e alle voci nuove. Si tratta di un doppio concorso, uno interamente dedicato ai brani editi ed uno interamente dedicato ad i brani inediti, nell’insieme finalizzato alla produzione musicale e all’interazione autore-interprete. Tra i premi messi in palio dalle parti organizzatrici la produzione con “i per i Recording Labal” di due singoli e targhe di riconoscimento per le categorie offerte da Radio Incontro.L’evento avrà luogo presso Il Lupinaio, Via Aiaccia 78/a Stagno

Lupinaio Summer Fest – Contest brani editi 27 Luglio 2019Lupinaio Summer Fest – Contest brani inediti 28 Luglio 2019 – iscrizioni aperte fino alle ore 24 del 20  Luglio c.a. 
:https://www.poloartisticovinile.it/lupinaio-summer-festival/

DisCanto Festival 2019; vince Claudia Megre’

Posted by adminfiofa On aprile - 29 - 2019 ADD COMMENTS

La vera differenza tra un concorso canoro ed un  festival dovrebbe stare nel “brano edito o inedito” ma certi termini non indicano più una cosa piuttosto che un’altra e si trova una certa tendenza a veder crescere eventi che non si avvalgono di nessun appellativo e non stanno dentro nessun clichè ma altro non fanno, e per fortuna, che mandare avanti una tradizione cantautorale emergente che diversamente andrebbe persa, o  lasciata in balia dei soli incompetenti motivati dal denaro. Menomale che qualche evento di qualità organizzato da persone appassionate resiste e si distingue sia dal concorso canoro,  sia dalla brutta copia dei talent. Nella rosa dei supposti festival quest’anno e dopo un paio d’anni di risonanza da parte degli artisti che conosciamo, abbiamo finalmente assistito al “Discanto” e lo abbiamo fatto con una buona visuale proprio in occasione della finale presso il Teatro Rossini di Pontasserchio. L’associazione musicale “il Pentagramma” con il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme, sotto la direzione artistica di Valeria Iaquinto hanno concluso con soddisfazione anche questa sedicesima edizione del Discanto Festival, sostenuti da numerosi sponsor e da brani in gara, indipendentemente dal gusto personale, ricche di belle  musiche e di contenuto come piacciono al nostro giornale. I nostri brani preferiti non sono saliti sul podio, ma niente da dire sulla vittoria di Claudia Megre’ che è decisamente un artista “pronta e completa”; al primo classificato un premio in denaro, idem per i secondi classificati: i Major. Il terzo posto è andato a Frences.

La vera forza della finale è stata l’orchestra di sei elementi più due bravissime coriste, tra le quali abbiamo riconosciuto la cantautrice Giulia Pratelli, L’orchestra ha suonato in modo impeccabile i ventidue brani in gara. Rosaria Renna, Gianluca Bonetta e Marco Martinelli hanno condotto la serata, intervallata dalla performance di Nathalie e conclusa con l’intrattenimento di Marco Ligabue davvero coinvolgente.

di Tiziana Etna

Aspettando il Premio Pegaso 2020

Posted by adminfiofa On aprile - 16 - 2019 ADD COMMENTS

di Tiziana Etna

Il direttore artistico Claudio Tantardini è prossimo a rimettersi a lavoro per la diciottesima edizione del Premio Pegaso che si svolgerà nel 2020. Marco Leonetti, conduttore storico del medesimo festival, è in diretta con la sua trasmissione del sabato (ore 15 circa) su Radio Incontro Pisa, facendoci conoscere ancora meglio i finalisti dell’edizione conclusa a febbraio e naturalmente non solo; ricordiamo infatti, il prezioso contributo che Leonetti offre alla promozione delle giovani promesse, uno spazio sempre più negato in fm alla musica emergente ed il collaudato binomio Premio Pegaso- Radio Incontro. All’alba di una nuova organizzazione e conseguente selezione, ricordiamo l’esito della diciassettesima edizione del Premio Pegaso, il quale proprio per la particolarità di essere uno dei pochi Festival in Italia auto-sostenuti,  dedicati esclusivamente alle canzoni inedite, merita l’attenzione sia pure ritardataria ed un invito ai cantautori di tutto lo stivale a non farsi sfuggire la prossima occasione. L’edizione 2019 ha confermato l’accurata selezione dei brani in gara con una scaletta dalle grandi difficoltà di pronostico. Malgrado il verdetto della giuria composta da addetti ai lavori di dichiarata professionalità non sia stato pienamente condiviso, la validità artistica di tutti i finalisti e la qualità di musiche e parole dei brani in gara ha reso la competizione  veramente ardua da lasciar pensare che qualsiasi altra conclusione avrebbe lasciato scontento; a dimostrazione che oltre a quello propinato dai media e dallo show preconfezionato, c’è un mondo pieno di artisti che sanno emozionare e lo fanno per passione, pura e semplice e con la loro creatività, con le loro idee musicali e la potenza o il timbro vocale, sanno dire cose intelligenti che restano, come solo una bella canzone può. Un mondo che ha bisogno di iniziative come il Premio Pegaso per uscire allo scoperto. L’esito dell’edizione 2019 è stato il seguente: 1°Frances con il brano “L’ultima luna”-2° Porthos con “Fermo”-3° Alice Cignoni con “Dall’altra parte delle cose” – Premio della Critica  ad Aurora Nannizzi con “Amanti, uomini animali”- le tre targhe Premio Radio Incontro sono andate  ad Alain Mini con “Questa Italia” Ragio con “Io non ti conosco” e Simone Pè con “Vivila cosi”. Premio Miglior Testo  ancora a Frances,,Premio Miglior Interpretazione  a Tatiana Paggini con ” Manchi Mimi’”- Premio Lion Music ad Alice Cignoni e il Premio Fenalc  ad Emily Cinali con “Un’altra cosa”. Il Premio Organizzazione  è stato consegnato a  Marco Iacobelli e “L’infermiere di notte” il Premio Ogae a Claire con ” Fiore di seta ” e il Premio LB Studio ancora a Porthos.  Ospiti delle serata con diverse coreografie: il Balletto Accademia Sabor Latino MJ Dance Studio, il cantante  Raffaele Giglio e L’elezione di Miss Venere Pegaso del Magic Staff di Stefania Zannotti e la serata ha raccolto duecentodieci euro che ha devoluto alla ricerca italiana sul cancro.

 

Premio Pegaso: tutto pronto per la 17°edizione

Posted by adminfiofa On febbraio - 23 - 2019 ADD COMMENTS

Ed eccoci giunti alla Finale della diciassettesima edizione del Premio Pegaso, dedicato interamente ed esclusivamente alla musica inedita; un attesa occasione per interpreti autori e cantautori. La longevità del premio è data da un rinnovato entusiasmo ogni anno, tant’è che tutti sappiamo come Claudio Tantardini patron del premio e promotore della Pegaso Star (agenzia organizzazione eventi) tra una settimana sarà già a lavoro  per la prossima edizione, e dalle solide partnership come quella con Radio Incontro e con Marco Leonetti che anche quest’anno presenterà gli ospiti e gli artisti in gara. Come sappiamo la longevità di un premio che non nasce talent o prodotto televisivo e si muove con il costante sacrificio dei pochi disposti ad agire per passione e che ci credono, è sinonimo di serietà ;ed in questo settore è rilevante, motivo per cui non c’è da meravigliarsi se al vaglio dei finalisti del Premio Pegaso sono arrivati brani da tutta Italia e la direzione artistica ha dovuto fare una difficile ed accurata selezione. Quest’anno la nostra redazione si godrà lo spettacolo dalla platea e non mancherà di raccontarlo ai nostri lettori. Pegaso 2019 è a favore di AIRC e sarà attiva una raccolta fondi per la ricerca contro il cancro.

La direzione artistica e partnership ringraziano i numerosi sponsor per la collaborazione, ogni contributo dice :-”Claudio Tantardini” è importante per rendere onore a questa manifestazione, ma soprattutto al talento di questi ragazzi.

Sponsor ufficiale Radio Incontro; altri sponsor:Sabor Latino, Lion Music, Snap Art Foto, ApeMaia, Refrain, Magic Staff,Lb Studio, Antea, GB Music, Dance MJ Studio. In foto la scaletta con i nomi dei finalisti, titoli dei brani ed ospiti. Sabato 23 febbraio 2019 Teatro Salesiani di Livorno.

Tiziana Etna

Le Soprano; dopo Sanremo tanti progetti

Posted by adminfiofa On febbraio - 20 - 2019 ADD COMMENTS

le SOPRANO dopo Sanremo

Grandi conferme per le Soprano di ritorno dalla città di Sanremo proprio nei giorni della sacra devozione musicale.
Le Soprano, sotto la vigile guida del producer Scarpettini, nei giorni del festival hanno espletato diverse esibizioni negli eventi collaterali in importanti location. Si sono distinte per la loro qualità vocale e per il loro repertorio particolare che spazia dal progressive al pop melodico moderno, al jazz .
Tre le esibizioni dove hanno portato in anteprima l’uscita del loro album ” DISEGUAL” , al Palafiori in Sanremo Doc , poi con Red Ronnie  e nella prestigiosa Sala Mango di Casa Sanremo Vitality’s. Indiscutibile il successo ed i consensi ricevuti, sempre brave e belle ( il che non guasta) nelle loro esibizioni eseguite con gran classe e professionalità .
Elisa Bartalini, Lucia D’Errico e Silvia Giannini procedono nel loro percorso verso il loro obiettivo.
Per il futuro in progetto il tour DISEGUAL che inizierà il giorno 8 marzo per la Festa della Donna a Colle Val d’Elsa . E poi interviste radio e già allo studio una nuova serie di registrazioni di altri brani tra inediti e cover, infine la realizzazione di due video.
Ufficio stampa clou disque

Spazio d’Autore un premio tra storia, poesia e musica

Posted by adminfiofa On agosto - 22 - 2018 ADD COMMENTS

di Tiziana Etna
Giunti a San Giminiano si entra nelle mura che sussurrano storie e racconti, si sale lungo le contrade sorridendo ai turisti fieri di appartenere ad una terra tanto bella che offre meravigliosi paesaggi e gustose delizie; un bicchierino di vernaccia, un crostino al tartufo, un boccoccino di pecorino e di prosciutto di cinghiale e si è pronti ad incontrare “Dante”, no per l’effetto del vino, ma per rievocazione… e con i suoi versi accompagna, si sale ancora un pò e si arriva alla Rocca di Montestaffoli, la rocca domina il panorama, anche se da due anni, e per non farsi mancare niente neanche il naturale spettacolo pirotecnico, durante la notte di San Lorenzo e quella che precede, il palco di Spazio d’Autore domina la rocca, e la musica che si contestualizza nell’iniziativa “Calici di Stelle” assume un aria autentica e deliziosamente sovrana.
La trentaseiesima edizione di Spazio d’Autore si è svolta a San Giminiano, per due serate ha regalato emozioni, stupito e ricordato, premiato il cuore e la carriera artistica e riunito amici di percorso di vecchia e nuova generazione.
Trentasei anni or sono che Pino Scarpettini ha un idea ed organizza un premio per cantautori, ispirato al no sense e al suo precursore, intitola il Premio a Rino Gaetano, creando una gara detta touch down dove si sfidono giovani artisti sconosciuti, tipo un certo Samuele Bersani, un tale Paolo Belli, Biagio Antonacci ed una lista lunga di “esordienti”. Il premio, per anni trasmesso in Rai, fa conoscere al grande pubblico il presentatore che si cela dietro il cantautore Pino d’Angio’in quegli’anni artefice di tormentoni ancora oggi canticchiati, definisce e premia ben tre categorie cantautorali: No Sense, New Generation e Teatro Canzone e riconosce ed elogia la carriera di altri e tanti artisti. Spazio d’Autore trova a Termoli una calda accoglienza e prosegue per anni diventando quasi un unica storia. In proposito vi rimando ad un articolo pubblicato da un giornalista del lugo che ha vissuto la magia di quelle edizioni ( http://m.termolionline.it/mobile/news/spettacolo/743649/nostalgia-della-canzone-dautore-lepopea-del-festival-rino-gaetano-a-termoli) . Volgendo lo sguardo al presente, memori di Termoli e dopo Livorno, a San Giminiano la magia è ancora contemplata, l’invito è a viverla, tuttavia, in attesa della prossima edizione ve la raccontiamo noi.
Apre la trentatresima edizione di Spazio d’Autore “cilindro ed ukulele” gli stessi di Rino Gaetano, con i suoi brani protagonisti in una rassegna interpretata da vecchie e nuove rivelazioni cantautorali di Spazio d’Autore. Presentati con simpatia e professionale confidenza, affidato ad un estemporanea capacità linguistica, di quelle con la battuta pronta ma sempre elegante di Roberto Onofri che ha chiamato sul palco ad omaggiare l’icona No Sense: Carmine Torchia, Moka, Silvia Giannini, Manola, Lisa Lapi, Antonella Natangelo e Lucia D’Errico. La seconda serata piena di stelle nel cielo è stata la serata delle gradi riunioni e dei “Premi alla Carriera”, in proposito di Bonaffini ed Oreglio, ospiti insieme a Dario Gay del giorno dopo, patron “Pino” racconta :- hanno ricordato i loro esordi circa 30 anni fa, quando io li portai al Premio Rino Gaetano nella ricerca dei nuovi talenti, un fiuto che si è rivelato rilevante per la carriera dei tre artisti. Bella performance di Oreglio e Bonaffini chitarre e voci che hanno intrecciato i loro brani l’uno con l’altro in un delizioso mini show, Flavio Oreglio ha intervallato il suo lato Katartico con deliziosi spaccati umoristici. Poi hanno chiamato l’amico di sempre Dario Gay dando vita ad un trio eccezionale, finendo con un omaggio a Pierangelo Bertoli che ha avuto parte importante nella carriera di autore di Bonaffini”. La seconda serata ha goduto di un genuino Matteo Becucci con chitarra e voce che ha interagito coinvolgendo il pubblico con brani attinti dal suo repertorio più narrativo e personale, a Becucci è stato consegnato il “Premio Nuova Canzone d’Autore”. A Lorenzo Iuracà è andato il”Premio Nuovo Imaie per l’interpretazione”. Lorenzo Iuracà vincitore nel 2010 di Spazio d’Autore New Generation insieme a Christian Cecconi con un brano scritto a quattro mani ha presentato in questa occasione i nuovi brani e tra questi “Ho paura”, anni dopo scritto con Christian Cecconi a sorpresa tra il pubblico. Accompagnato dai fedeli musici: Giovanni Giustiniano, Stefano Silvestri e Nicola Barontini sono stati seguiti in scena da Le Soprano, in una nuova esilarante formazione ricca di sfumature vocali.Tra i nuovi talenti spiccano Claudia Cantisani dal Biella Festival e Ceo. Per la realizzazione di questa trentaseiesima edizione di Spazio d’Autore la direzione artistica ringrazia il Comune di San Gimignano con gli interventi del vice sindaco Niccolò Guicciardini e l’assessore alla cultura Carolina Taddei, la Regione Toscana, il Consorzio della Vernaccia che ha offerto in premio le ” magnum” una confezione speciale riserva e numerata, dalle mani del direttore Stefano Campatelli. L’associazione Fiofa sempre dedita alla scoperta dei nuovi talenti che ha organizzato l’evento

Recent Comments

AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE DI AREZZO N.6/2011 DEL 13 /5/2011

Recent Comments

Targhe MEI a Pistoia

On ott-23-2013
Reported by adminfiofa

Iacopo Nicolò Badini

On apr-6-2011
Reported by adminfiofa

FRAGILE il nuovo videoclip di CHARLOTTE

On gen-26-2015
Reported by adminfiofa

premio Andrea Parodi

On ago-18-2012
Reported by adminfiofa

CEO a SPAZIO D’AUTORE 2018

On ago-13-2018
Reported by adminfiofa

Recent Posts